Il Sole 24 Ore

 
"Made in Padova l'aspirapolvere della Casa Bianca "

di Eleonora Vallin

fonte: Il Sole 24 Ore



Leggi l'articoloLe persone allergiche lo sanno bene: la polvere e' un nemico insidioso, soprattutto tra le pareti domestiche: puo' provocare asma, malattie ai polmoni e al cuore.
Per combatterla non serve nasconderla sotto il tappeto: bisogna aspirarla.

Persino la Casa Bianca ha deciso di investire al meglio le proprie finanze in quest'operazione. Soprattutto dopo l'11 settembre, quando oltre gli acari dovette fronteggiare l'emergenza antrace.
Per tutelare il suo massimo simbolo, l'amministrazione Bush bandi' una gara per l'acquisto di aspirapolvere ultrasilenziose che garantissero, ai massimi livelli di sicurezza, l'asportazione delle piu' infinitesimali particelle di polvere e la totale messa in quiete delle spore velenose.

La gara - si parla ancora del lontano novembre 2001 - fu vinta da Lindhaus, azienda padovana nata nel 1987 che, "forte" dei suoi 15 milioni di fatturato e di una forza di 35 addetti, non solo riusci' a superare una serie di test severissimi, durati oltre un mese e mezzo, ma anche a sbaragliare l'agguerrita concorrenza tedesca.

Da allora la Casa Bianca importa da Padova ben 400 macchine l'anno (per un valore di 250mila dollari), spedite in condizioni di assoluta sicurezza, su camion controllati rigorosamente attraverso raggi X.
Anche adesso sono in partenza 75 nuovi aspirapolvere freschi di produzione, appena ordinati.

"Siamo presenti nel mercato americano dal 1992 con oltre 80 modelli - spiega il presidente dell'azienda di famiglia Michele Massaro - abbiamo aperto una sede a Minneapolis, nel Minnesota, e copriamo sia il segmento privato, quindi domestico, sia professionale, soprattutto ospedaliero e scolastico.
Abbiamo a disposizione circa 900 venditori con l'obiettivo di vendere il prodotto. Possiamo solo dire che il nostro commerciale di Washington e' stato fondamentale per trovare gli agganci giusti".

Gia', perche' anche nei grandi e prestigiosi circuiti, quelli altolocati e spesso inarrivabili, il passaparola funziona ed e' - forse - la miglior tecnica di promozione. Cosi', negli ultimi anni Lindhaus ha portato i propri aspirapolvere al Parlamento austriaco, in quello sloveno, ucraino, al consolato italiano in Germania e persino - ma la fonte non e' ufficiale - al Cremlino.

E a luglio 2007 ha ottenuto l'esclusiva mondiale per il trattamento antibatterico di tutti i filtri in uscita a base di microsfere di argento "silver clean", prodotti della canadese Fibro Filter.

I progetti sono tuttavia ancora piu' ambiziosi. Due anni fa l'azienda di Michele Massaro assieme ad altri otto imprenditori del Nord Italia (di cui due padovani) ha creato il Consorzio Italian cleaning realizzando un "polo del pulito" specializzato nella produzione di saponi, macchinari e prodotti chimici per detergere (100 milioni il fatturato del team per complessivi 280 dipendenti e una distribuzione affermata in 50 Paesi del Mondo).

L'obiettivo e' sinergico: unire le forze per proporsi all'estero con una produzione di qualita' e un marketing agguerrito.
Il consorzio ha gia' creato due realta' distributive in Tunisia e Algeria e si sta preparando a esplorare i nuovi mercati dell'Est Europa, Russia e Cina. "Rappresenteremo con orgoglio la realta' creativa del Made in Italy - afferma Massaro - con marchi leader e affidabili nelle soluzioni di fornitura, servizio, assistenza e formazione per tutti i professionisti del pulito".


Scarica l'articolo in formato .pdf




Per qualsiasi informazione e consiglio sul trattamento di superfici, potete contattarci tramite posta elettronica.
Honlapunkat az ArtScape Design Studio tervezte.
2015  C  Puliamo - La Pulizia a 5 Stelle  Authorized Lindhaus Dealer
P.IVA 04360000287

PRIVACY - COOKIES - DATI SOCIETARI - CREDITI